Limiti responsabilità vettoriale e contratto di spedizione: introdotte importanti novità

Pubblicato in data 18/01/2022
Limiti responsabilità vettoriale e contratto di spedizione: introdotte importanti novità
La legge n. 233/2021, di conversione del D.L. n. 152/2021 recante disposizioni urgenti per l’attuazione del PNRR e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose con l’art. 30 bis, introduce rilevanti modifiche alle norme del Codice Civile che disciplinano i limiti della responsabilità vettoriale e il contratto di spedizione

Obiettivo della riforma è favorire i processi di innovazione e razionalizzazione delle attività logistiche, in attuazione delle linee dettate dal PNRR. 

Le novità piu' importanti riguardano i limiti al risarcimento del danno;
viene sostituito l’art.1696, che disciplinava i limiti al risarcimento per perdita o avaria delle cose trasportate: 
nel nuovo articolo di legge,  la limitazione al risarcimento dovuto dal vettore viene estesa anche ad altre modalità (trasporti aerei, marittimi, fluviali e ferroviari, nazionali e internazionali.
Viene poi introdotta  una specifica disciplina per limitare il risarcimento dovuto dal vettore a fronte di un trasporto intermodale.

Per quanto riguarda il  contratto di spedizione, vengono modificati gli articoli 1737, 1739 e 1741 c.c.;
in particolare, l'art. 1737 ora stabilisce che lo spedizioniere può concludere i contratti di trasporto non solo per conto del mandante, ma anche in nome e per conto del mandante. 
Inoltre, viene specificato che un unico contratto di spedizione può avere ad oggetto anche più contratti di trasporto con diversi vettori.

In merito  all'art. 2761 del codice civile, sulla disciplina dei crediti privilegiati, la previsione del privilegio viene estesa anche allo spedizioniere oltre al vettore, al mandatario, al depositario e al sequestratario, già previsti.

Questa la sintesi delle novità piu' rilevanti: 
CLICCA QUI per un  articolo di approfondimento con tutti i dettagli